Ponte del 2 giugno: dove andare? - Gite in Lombardia
In agenda

Ponte del 2 giugno: dove andare?

Le mete e gli itinerari per fare una bella gita in questa stagione sono pressoché illimitati e per aiutarvi a scegliere abbiamo deciso di selezionare alcune proposte a tema, perché non lo dimentichiamo, il 2 giugno è anche la Festa della Repubblica. Ecco a voi allora 5 mete, a loro modo, “patriottiche”!
Condividi

    Ragazzi, ci siamo. Tra poco arriverà il ponte del 2 giugno, ben quattro giorni di vacanza perfetti per esplorare la Lombardia! Questo è di sicuro uno dei periodi più belli dell'anno: la primavera ha raggiunto il suo apice di fiori e colori, le temperature sono ancora miti e le giornate già abbastanza lunghe. Le mete e gli itinerari per fare una bella gita sono pressoché illimitati e per aiutarvi a scegliere abbiamo deciso di selezionare alcune proposte a tema, perché non lo dimentichiamo, il 2 giugno è anche la Festa della Repubblica. Ecco a voi allora 5 mete, a loro modo, “patriottiche”!

    Se siete alla ricerca di un 2 giugno “risorgimentale”, vi consigliamo una gita al Museo Storico di Solferino e alla Torre di San Martino. Il Museo raccoglie centinaia di cimeli, armamenti e uniformi dei combattenti italiani, francesi e austriaci che qui si fronteggiarono durante la famosa battaglia della Seconda Guerra di Indipendenza. Visitato il museo, possiamo uscire a prendere una boccata d’aria e ad ammirare il bel panorama circostante salendo in cima alla Torre di San Martino, alta 64 metri ed eretta per onorare la memoria di re Vittorio Emanuele II.

    gita-2-giugno-rifugio-garibaldi

    Se volete stare in tema risorgimentale, ma siete tipi sportivi, vi proponiamo un 2 giugno “dei Mille (metri)”. In provincia di Brescia, all’interno dello splendido Parco dell’Adamello, vi consigliamo l’escursione che porta al Rifugio Garibaldi, quasi mille metri di dislivello che vale però la pena di percorrere! Il punto di partenza è la Malga Caldea (1584m) raggiungibile in auto da Temù. Da qui proseguiamo con meravigliosi scorci panoramici su diversi laghetti di montagna , torrenti e cascate. Affrontiamo un tratto della ripida mulattiera militare detta “Calvario” (sic!) e arriviamo alla diga della Val Venerocolo dove a poca distanza si trova il rifugio Garibaldi (2553m).

     

    Percorso delle Trincee sul Monte Generoso

    Se avete voglia di una gita in montagna ma preferite qualcosa di più tranquillo, abbiamo due proposte per voi. La prima conduce lungo il percorso delle trincee del Monte Generoso, in provincia di Como. L’itinerario ci porta alla scoperta di dodici livelli di trincee lungo quella che doveva essere la linea di difesa in caso di invasione da parte della Germania o dell’Austria attraverso la Svizzera. Questi meravigliosi panorami fortunatamente non hanno mai visto combattimenti ma tanti giovani italiani hanno sofferto lunghi e freddi inverni in queste trincee durante la Prima Guerra Mondiale. Passate di qui se volete vivere un 2 giugno “di frontiera”.

     

    gita-2-giugno-malga-lunga

    Se invece volete andare in montagna, ma camminare non è il vostro forte, allora vi consigliamo il Rifugio Museo Malga Lunga. Raggiungibile in auto (c’è un parcheggio a circa 1 chilometro dal rifugio) la Malga, situata in provincia di Bergamo, fu destinata a Museo-Rifugio in ricordo degli episodi verificatesi alla 53ma Brigata Garibaldi nel corso della Resistenza. E’ aperta tutto l’anno sabato, domenica e festivi, e tutti i giorni da luglio a settembre. Se volete trascorrere un 2 giugno “ricordando la Resistenza”, questo è il posto che fa per voi.

     

    gita-2-giugno-tempio-della-fraternità

    Infine, se dopo tutti questi ricordi di guerre passate volete guardare al futuro con speranza e vivere un 2 giugno all’insegna “della pace e della fraternità tra i popoli”, abbiamo quello che fa per voi. Si tratta del Tempio della Fraternità a Varzì, nell’Oltrepo Pavese.  La chiesa fu fondata da un cappellano militare che decise di raccogliere le rovine della guerra e con esse costruire un edificio religioso. Il sacerdote fu incoraggiato e sostenuto dal futuro papa Giovanni XXIII che inviò la prima pietra. A questa seguirono molti altri reperti da Berlino, Londra, Dresda, Varsavia, Montecassino, El Alamein, Hiroshima, Nagasaki e centinaia di altre località.

     

    Ho preso visione e accetto la privacy policy del sito

    Ricevi la newsletter

    Non perderti le ultime novità! Ricevi la newsletter con idee per le tue gite fuori porta, consigli stagionali e il calendario degli eventi.

    Le prossime gite organizzate

    Gite in Lombardia ti porta alla scoperta delle bellezze del territorio, anche quelle vicine a casa che a volte conosciamo così poco. Grazie a guide appassionate ed esperte conoscerai la natura, la storia, l’arte e le tradizioni locali e vivrai splendide giornate all’aria aperta e in compagnia.