I 5 Carnevali più belli della Lombardia

Il Carnevale è la festa più divertente dell’anno e precede il periodo di digiuno della Quaresima, ma non è certo una invenzione moderna! Sembrerebbe infatti che già i Greci e poi i Romani si lasciassero coinvolgere da rituali pagani molto simili ai festeggiamenti carnevaleschi.

Pensate che in occasione dei Saturnali romani gli schiavi si travestivano da padroni e viceversa. Un bello strappo alla regola per quei tempi! Il travestimento comunque piace ancora a noi oggi forse proprio perché possiamo indossare i panni di quello che non siamo o che vorremmo essere senza temere giudizi…

Se non vedete l’ora di indossare la vostra maschera e di festeggiare, ecco a voi i 5 Carnevali più belli della Lombardia, tutti da provare!

1. Le maschere lignee di Schignano (CO)

Il Bel e il Brut, il Mascarott e i sapor: ecco solo alcuni dei personaggi protagonisti del Carnevale di Schignano, uno dei più antichi d’Italia! In questo piccolo borgo della Valle d’Intelvi il Carnevale è animato da maschere di legno create secondo una tradizione che si tramanda da secoli. Ogni maschera è realizzata da scultori locali con tanta cura e mettendoci quella stessa passione dei mascherai del passato che preparavano le maschere per tutto il paese usando il ceppo di noce, essendo più facile da intagliare. Un carnevale all’insegna dell’arte! Se vuoi venire a scoprire il Carnevale di Schignano insieme a noi, sabato 2 marzo, clicca qui!

2. Il Carnevale Vecc di Grosio (SO)

Ci spostiamo ora in Valtellina per conoscere il Carneval Vecc, un fantoccio imbottito di paglia che porta un paio di corna e che simboleggia i tempi di miseria da dimenticare. E quale miglior modo per farlo? Bruciandolo alla fine della festa come auspicio per tempi migliori! Molto curiose anche le altre maschere che animano la festa e che portano costumi che si tramandano da generazioni: la “Magra Quaresima”, una donna scarna miseramente vestita, “L’Orso”, il “Toni” e la “Bernarda”, un adulto travestito da poppante. Curiosi di vederle dal vivo? Scopri di più.

  

3. Musica e scherzi a Bagolino (BS)

Sulle Alpi bresciane, nel piccolo borgo di Bagolino, il Carnevale è un tripudio di musica e scherzi. I Ballari e i Sunadur animano le vie del paese con musiche e danze. I costumi più tradizionali sono quelli dei mascher e l’elemento più caratteristico è il cappello che indossano i Ballari, ricoperto da nastri colorati da cui spiccano un grosso fiocco e gioielli. Tutti indossano gli sgalber, ovvero degli zoccoli in legno, e l’usanza più comune è il continuo scambio reciproco delle maschere, allo scopo di creare confusione per non far capire chi è l’autore di questo o quello scherzo. Al Carnevale di Bagolino, insomma, le risate non mancano ed è impossibile non divertirsi! Se vuoi venire a scoprire il Carnevale di Bagolino insieme a noi, domenica 3 marzo, clicca qui!

4. A Cantù (CO) il segreto sta… nelle dimensioni!

Non si pensi subito male, anche se a Carnevale ogni scherzo vale! Siamo in provincia di Como, nella cittadina di Cantù, da sempre rinomata per i suoi artigiani. Qui a Carnevale sfilano i carri allegorici più grandi della Lombardia e vale il concetto “più grande è, più è bello”. La lavorazione dei carri richiede molto tempo ed avviene in assoluta segretezza perché è severamente proibito rovinare la sorpresa finale! La maschera tipica è il simpatico Truciolo, a simboleggiare il lavoro dei falegnami. Scopri di più.

5. Il Carnival di Mat a Bormio (SO)

Torniamo ancora in Valtellina per scoprire il Carnival di Mat: già il nome è tutto un programma! Qui in passato il carnevale coincideva con l’elezione del Podestà dei Matti che per una settimana sostituiva il vero podestà del paese, concedendo ogni tipo di divertimento: un vero e proprio schiaffo alla classe dirigente, insomma! Oggi ovviamente l’elezione del Podestà è solo simbolica, ma i festeggiamenti e le usanze tradizionali sono rimasti pressoché identici! Un carnevale davvero da provare! Scopri di più.

  

Conoscete altri Carnevali? Segnalateceli! Buon divertimento a tutti!

VAI AL BLOG