I 5 luoghi abbandonati più affascinanti della Lombardia

La Lombardia offre un’infinità di ricchezze artistiche, storiche, culturali e naturalistiche davvero sorprendenti! Oggi però vogliamo portarvi a scoprire dei luoghi molto particolari. Sono villaggi abbandonati e vecchi edifici lasciati al completo abbandono e spesso decadenti, ma in grado di suscitare un fascino particolare, avvolti da un’aura di mistero e legati a storie e leggende curiose e… da brivido!

Paesi fantasma, ville maledette e un vecchio albergo di lusso: ecco i 5 luoghi abbandonati più affascinanti in Lombardia.

1. Consonno: la città fantasma della Brianza (LC)

Edifici abbandonati, minareti, pagode, murales, fontane, colonne  greco-romane, piastrelle alla Andy Warhol sono solo alcuni dei curiosi particolari di Consonno, villaggio contadino che negli anni Settanta avrebbe dovuto trasformarsi nella Las Vegas della Brianza e che oggi appare come un’affascinante città fantasma tra le più particolari in Italia.

2. La “Casa Rossa” della Valsassina (LC)

Un tempo lussuosa dimora signorile, Villa De Vecchi, conosciuta anche come Casa Rossa, oggi appare in stato di abbandono soffocata dal verde che un tempo apparteneva al bellissimo parco che la circondava. Dal 1938 la villa non fu più abitata e venne purtroppo depredata dei suoi ricchi arredamenti e delle sue preziose decorazioni. Fu proprio durante quel periodo buio che iniziarono a circolare misteriose leggende su fantasmi e fenomeni soprannaturali nell’edificio, come la presenza del fantasma della moglie del conte che un tempo abitava la villa o della fontana del parco che zampillava sangue. Attualmente la dimora è inagibile, ma anche solo ammirandola dall’esterno appare avvolta da un’aura di mistero che affascina curiosi e appassionati di fotografia provenienti anche da molto lontano. Vai al luogo.

3. Savogno: il paese fantasma sui monti (SO)

A pochi chilometri da Chiavenna, posto su un balcone naturale sulla Val Bregaglia e circondato da fitti boschi e suggestive cascate, sorge il paese di Savogno. Si può raggiungere solo a piedi seguendo diversi itinerari e salendo ben 2.886 gradini appoggiati alla roccia, ma merita assolutamente tutta la fatica della salita perché è un luogo davvero ricco di fascino che offre anche splendidi scorci. Savogno ad oggi è praticamente disabitato ed i suoi edifici in pietra, le fontane, l’antico torno e la chiesetta quattrocentesca fanno da cornice ad un emozionante viaggio nel tempo. Lungo la strada che conduce al paesino prestate attenzione al “Sas de l’Anticrist“, una parete che sembra una porta richiusa sul mondo degli inferi che si dice sia testimonianza di una maledizione. Vai al luogo.

4. Un capolavoro dimenticato (VA)

Il bellissimo Grand Hotel Campo dei Fiori fu realizzato nel primo decennio del Novecento su progetto di Giuseppe Sommaruga, uno dei massimi interpreti italiani dello stile Liberty. Il calo del numero dei visitatori nella zona e la successiva interruzione della funicolare di Campo dei Fiori nel 1958 incisero negativamente sull’attività dell’hotel portandolo alla chiusura. L’ultimo ospite varcò l’ingresso del Grand Hotel nel 1968, anno in qui l’edificio venne definitivamente abbandonato. Fu riaperto recentemente solo in occasione di una mostra proprio dedicata a Sommaruga, ma si spera che presto possa essere completamente recuperato. Vai al luogo.

5. La Villa degli Amanti Maledetti (PV)

Si dice che chiunque venga in possesso di Villa Cervi o che viva tra le sue mura sia vittima di una maledizione… Sicuramente sarà frutto di una delle tante leggende di un tempo, fatto sta che la dimora è disabitata da anni ed è in stato di abbandono. La struttura è inagibile, ma anche se non lo fosse chi avrebbe il coraggio di entrarci? Il fascino tenebroso che aleggia attorno a Villa Acerbi attrae tantissimi visitatori e fanatici del mistero, anche solo per osservarla dall’esterno all’imbrunire. Scopri la storia.

Conoscete altri luoghi abbandonati in Lombardia? Segnalateceli!

VAI AL BLOG