La Notte di San Lorenzo: consigli per gite stellari

La Notte di San Lorenzo è la notte più magica dell’estate che coinvolge da sempre grandi e piccini con il suo fascino stellare! Sognatori, romanticoni e appassionati di astronomia non perdono l’occasione per ammirare il cielo notturno, per godersi lo spettacolo delle stelle cadenti e per esprimere i propri desideri.

Ma perché si è scelto di dare questa connotazione magica proprio il 10 agosto? La Notte di San Lorenzo ha origini molto antiche e intreccia astronomia, religione e tradizione.

Notte di San Lorenzo: cosa dice la scienza?

Secondo la scienza, la caduta delle stelle è conseguenza del passaggio degli asteroidi della costellazione Perseo, ovvero perseidi, all’interno dell’orbita visiva terrestre. Durante la Notte di San Lorenzo e nei giorni precedenti e successivi l’atmosfera terrestre viene attraversata da un numero perseidi visibili anche a occhio nudo maggiore del solito e per questo motivo si verifica il picco di stelle cadenti in agosto.

Notte di San Lorenzo: cosa dice la religione/tradizione?

A livello culturale, invece, il fenomeno delle stelle cadenti ha da sempre affascinato l’uomo e fu rivestito, nel corso dei secoli, di elementi religiosi e popolari che gli regalarono un tono più poetico.

Secondo una leggenda legata alla religione cristiana, la pioggia di stelle fu associata al martirio di San Lorenzo le cui lacrime vagano eternamente nei cieli dal suo supplizio e ogni anno scendono sulla terra solo il giorno in cui il Santo fu decapitato. Secondo le credenze popolari, invece, le stelle cadenti del 10 agosto ricordano le scintille provenienti dalla graticola infuocata che volarono in cielo durante il martirio del Santo. Anche se Lorenzo non morì bruciato, l’idea delle scintille di fuoco che volarono verso il cielo prese piede nell’immaginario popolare. In entrambi i casi, comunque, il risultato è che questa magica notte è in grado di rapire ancora oggi i cuori di tutti noi regalandoci una nota di speranza.

 

Cosa fare la Notte di San Lorenzo?

Abbiamo selezionato per voi alcuni luoghi perfetti per ammirare la tanto attesa pioggia di stelle in Lombardia, tutti raggiungibili facilmente e adatti ad ogni esigenza. Buona passeggiata e buona notte dei desideri a tutti!

 

Per gli appassionati di astronomia

Il mese di agosto per gli appassionati di astronomia è uno dei periodi migliori per osservare le stelle. Se vi piacerebbe saperne di più sulle bellezze del cielo notturno vi consigliamo due osservatori in Lombardia che organizzano serate ed eventi dedicati alla pioggia di stelle cadenti e che vi daranno informazioni e curiosità sugli astri osservati al telescopio:

  • Planetario e Osservatorio di Ca del Monte a Cecima, in provincia di Pavia: situato in una zona strategica per l’osservazione del cielo, il paesaggio circostante offre anche la possibilità di fare piacevoli passeggiate alla scoperta dei dolci pendii dell’Oltrepo Pavese.
  • Osservatorio Astronomico a Colma di Sormano, in provincia di Como: oltre a offrire un’ottima vista e sia diurna che notturna, grazie ai suoi vasti prati la Colma è il luogo ideale per una giornata di relax o per un pic-nic estivo. L’Osservatorio è raggiungibile dal paese di Sormano o dal Pian del Tivano mediante una comoda strada asfaltata. Tutt’attorno ci sono diversi itinerari perfetti per gli amanti del trekking.

Per gli amanti del trekking

Ma quanto è bello raggiungere il posto da cui ammirare la pioggia di stelle facendo una bella passeggiata e godendosi le luci e la frescura del tramonto? Se volete unire la voglia di trekking al piacere di osservare le stelle basta munirsi di zainetto, scarpe giuste, una felpa o un pile per la sera, un plaid su cui sedersi, qualcosa da sgranocchiare e da bere e una torcia che servirà per il ritorno. Ecco alcune mete perfette per osservare la pioggia di stelle e tutti raggiungibili facilmente a piedi:

    • Passeggiata al Rifugio Parafulmine, incorniciato dalle prealpi orobiche della Bergamasca. L’itinerario è ben segnalato ed adatto a tutti e conduce a un balcone naturale da cui ammirare una splendida vista. Si parte dal Monte Farno, dove si può lasciare l’auto, e si percorre una semplice strada sterrata fino alla meta, raggiungibile in un’ora e 30 minuti circa.
    • Il semplicissimo itinerario Alpe Paglio-Pian delle Betulle, in alta Valsassina, perfetto anche per famiglie. Il paesaggio vi sorprenderà con la sua natura ancora incontaminata. Il sentiero parte da Alpe Paglio, dove è possibile lasciare l’auto.
    • Per chi preferisse muoversi esclusivamente con l’auto, l’Alpe Giumelloin provincia di Lecco, è l’ideale. Da qui partono diverse passeggiate rilassanti lungo i sentieri con ottima vista sul Lago di Como e sulle montagne che fanno da cornice. Ci sono anche diversi rifugi e punti di ristoro, ideali per chi vuole godersi la montagna in assoluto relax.

 

Riconoscere le stelle… Con il telefono!

Vi piacerebbe stupire gli amici riconoscendo tutte le costellazioni e gli astri? Ci sono alcune app scaricabili sui vostri cellulari che vi sveleranno tutti i nomi e le informazioni delle stelle e delle costellazioni che potrete ammirare nei prossimi giorni. Basta puntare il telefono verso il cielo e… Gli astri non avranno più segreti per voi!

Ecco le app più conosciute e scaricate:

  • tra le migliori app gratuite per osservare le stelle ci sono Mappa Stellare, disponibile sia per iOS che Android, e Night Sky, solo per iOS. Entrambe vi forniranno informazioni dettagliate e vi aiuteranno a riconoscere le stelle e le costellazioni.
  • tra quelle a pagamento ci sono Sky Guide (solo per iOS), Star Walk 2 (per iOS e per Android) e Sky Map (solo per Android).

Buona visione e buon divertimento stellare a tutti!

VAI AL BLOG