Nel cuore della nostra associazione c’è un posto che occupa uno spazio enorme. Si tratta del Sentiero del Viandantedove Gite in Lombardia ha organizzato una delle sue primissime gite nel 2017. Da allora siamo cresciuti molto, organizzando più di 25 escursioni su tutte le tappe del Sentiero e accompagnando oltre 500 persone alla sua scoperta.

Tra le guide che organizzano queste uscite c’è anche Stefano e sarà proprio lui a svelarci qualche curiosità sul suo legame con questo itinerario che corre lungo la sponda lecchese del Lago di Como.

🔻 Qual è stata la prima gita sul Sentiero del Viandante che hai proposto ai soci di Gite in Lombardia?

Ricordo che la prima volta è stata sulla tappa Abbadia Lariana – Lierna. Era il 2 aprile dell’anno scorso ed ero un po’ nervoso perché le previsioni davano possibile pioggia durante la giornata, la prima pioggia dopo oltre 100 giorni! Fortunatamente non ha piovuto neanche una goccia mentre le cime erano state leggermente imbiancate nella notte. Uno spettacolo davvero magnifico soprattutto quando siamo saliti sulla torre di Maggiana con una visuale di 360 gradi sul lago e le montagne.

🔻 Qual è la cosa che ti piace di più del Sentiero del Viandante?

Una delle cose che più mi piacciono è l’alternanza tra località rinomate, con turisti da tutto il mondo come Varenna e Bellano, e frazioni minori quasi sospese nel tempo, silenziose custodi di aneddoti, leggende, chiesette e torri medioevali. Percorrere il Sentiero vuol dire anche passare continuamente da bellissimi punti panoramici e alternare momenti nei boschi a passaggi nei centri storici dei paesi. Credo sia proprio questa varietà che rende così bello il percorso. Per questo consiglio sempre di percorrere più di una tappa, perché ognuna è diversa e unica con un paesaggio in continuo cambiamento e che non stanca mai.

🔻 Puoi svelarci qual è la tua tappa preferita?

È difficilissimo sceglierne una ma se dovessi proprio farlo opterei per il tratto da Bellano a Dorio perché offre un incredibile mix di cose diverse da vedere. Si parte dalla “Piccola Manchester del Lario”, con il suo cotonificio e l’orrido, si raggiunge il panoramico Santuario di Lezzeno, si oltrepassano due caratteristici borghi di montagna per poi scendere sul lungolago di Dervio. Da qui si continua per il Castello di Orezia e il borgo di Corenno Plinio, uno dei borghi più belli del Lario, abbarbicato su uno sperone roccioso.

🔻 Prima di fare la guida, sei stato un ufficiale dell’esercito. Come influenza questa tua formazione la tua professione attuale?

Sicuramente aver studiato tanta topografia mi avvantaggia nel preparare una gita per poter scegliere anche itinerari insoliti e meno frequentati. Ogni tanto qualche partecipante è incuriosito dalla storia militare e in alcune occasione anche il Sentiero offre il pretesto per parlare di questi temi. Per me è sempre un piacere affrontare quest’argomento tra le tante chiacchierate che si fanno durante le nostre camminate!

Stefano e le altre guide di Gite in Lombardia ti aspettano ai prossimi appuntamenti per percorrere insieme le tappe del Sentiero del Viandante!

Scopri altri luoghi del cuore: il Cimitero Monumentale di Milano raccontato dalla guida Veronica e la Val di Mello raccontata dalla guida Antonio.

Cosa c’è dietro questo articolo Migliaia di persone leggeranno questo articolo perché è interessante e totalmente gratuito. Dietro questo articolo però c’è il lavoro di un’associazione che ogni giorno esplora, ricerca e mappa il territorio. E c’è anche qualcuno che la sostiene: i nostri soci. Vuoi farlo anche tu?

Diventa socio