Alla scoperta dei paesi dipinti in Lombardia - Gite in Lombardia
Classifiche

Alla scoperta dei paesi dipinti in Lombardia

In Lombardia ci sono paesi trasformati in vere e proprie gallerie d'arte a cielo aperto grazie ai bellissimi affreschi che decorano le mura delle case e degli edifici. Ecco alcuni paesi dipinti che vi lasceranno a bocca aperta con le loro meravigliose opere d’arte a cielo aperto.
Condividi

    In Italia sono oltre 200 i paesi trasformati in vere e proprie gallerie a cielo aperto grazie a bellissimi affreschi sulle mura delle case e degli edifici pubblici. Pittori di fama internazionale hanno reso questi borghi dei gioiellini veramente incantevoli che meritano assolutamente una visita.

    Ecco alcuni tra i paesi dipinti in Lombardia che vi lasceranno a bocca aperta con le loro meravigliose opere d’arte a cielo aperto. Un vero spettacolo!

    Arcumeggia (VA)

    Questa piccola frazione di Casalzuigno immersa nella verdeggiante Valcuvia è il paese più noto nel Varesotto per i suoi dipinti ed è anche il primo paese in Italia ad essere considerato una vera e propria galleria d'arte a cielo aperto grazie ai bellissimi affreschi sui suoi edifici che rappresentano scene di vita agreste, tradizioni, santi e usanze locali. Ad Arcumeggia nel 1957 venne anche creata la "Casa del Pittore" per ospitare gli artisti che lavorarono qui, trasformando questo paesino in una vera e propria tavolozza di colori. Vai al luogo.

    Parlasco (LC)

    Questo piccolo borgo della Valsassina è legato alla storia del leggendario Lasco, di giorno amato benefattore, di notte predone e criminale. Le mura degli edifici di Parlasco sono decorate da affreschi realizzati nel 2007 da artisti nazionali ed internazionali che raccontano le gesta del bandito con stili e dimensioni differenti. Vai al luogo.

    Caglio (CO)

    Caglio è un piccolo paese della Vallassina con una caratteristica particolare: vicoli e piazzette sono disseminati di riproduzioni dei quadri più famosi di Giovanni Segantini, il grande pittore dell'800 che qui visse un anno. La mostra permanente a cielo aperto a lui dedicata comprende quindici tavole a grandezza naturale più una tavola isolata, posta in un belvedere fuori paese, che riproduce "Alla stanga", l'opera che Segantini dipinse proprio a Caglio. Il Percorso Segantini è visitabile tutto l'anno su prenotazione contattando la pro loco. Vai al luogo.

    Calcio (BG)

    In questo paesino della bassa Bergamasca sono presenti una cinquantina di murales realizzati sia da artisti di fama nazionale ed internazionale. Questi giganteschi dipinti sui muri degli edifici raccontano la storia di Calcio e ne descrivono scene di vita quotidiana. Un vero e proprio libro... A cielo aperto! Vai al luogo.

    Gravellona Lomellina (PV)

    Nella Bassa pavese sorge un piccolo paese agricolo che si definisce “paese d’arte” per i suoi numerosi affreschi che non decorano solo i suoi muri ma anche i marciapiedi, i tetti, cabine e fili elettrici. Vai al luogo.

    Guidizzolo (MN)

    In seguito a quattro edizioni dedicate all'arte, dal 2007 al 2010 questo paesino del mantovano venne decorato da splendidi affreschi raffiguranti temi legati alla velocità, alla moda, alle star e alla paceVai al luogo.

    Cadorago (CO)

    In questo piccolo borgo a pochi chilometri da Como è presente il museo a cielo aperto più grande d'Italia con oltre 300 opere di pittura, scultura, ceramica, eseguite da oltre 200 artisti nazionali ed internazionali per le vie del paese. Vai al luogo.

    Cadero (VA)

    Splendidi mosaici decorano i suggestivi vicoli di questa piccola frazione nel varesotto. Tutti i mosaici sono stati realizzati dagli studenti dell'Accademia delle Belle Arti "Santa Giulia" di Brescia che hanno definito Cadero come il "Paese dove si respira l'arte". Vai al luogo.

    Se conoscete altri paesi dipinti, segnalateceli! Buona gita a colori a tutti!

     

    I commenti dei nostri lettori

    • franco minardi
      Rispondi

      *La collina della provincia di Milano e quella di Lodi,sconfina in quella di Pavia e non dista molto da quella di Piacenza. Esserci nel Parco Collinare di San Colombano,significa immergersi nella storia,fare un’incursione in un borgo insigne visitato da santi,come San Colombano,frate irlandese,da cui il borgo prende il nome,nel ‘400 dopo Cristo,e da poeti come Petrarca,su colline da migliaia di anni,da sempre vengono coltivate viti,dal tempo dei Romani,viene prodotto un ottimo vino,apprezzato da tanti,pur se in parte sconosciuto.

    • Karl
      Rispondi

      Un paese in posa Esposizione fotografica nelle vie di Barni
      40 gigantografie in bianco e nero raccontano, lungo le vie del vecchio borgo della Valassina sul Lago di Como, 40 oggetto della civiltà contadina.
      Il paese è dipinto dalla bellezza delle 40 immagini. Da non perdere

    • Mary
      Rispondi

      Cadorago, in provincia di Como!!

    • Anonimo
      Rispondi

      Crotta d’Adda , anche qui ci sono diversi affreschi

    • Anonimo
      Rispondi

      Molto bello anche Peveranza di Cairate Varese….merita?

    Ho preso visione e accetto la privacy policy del sito

    Ricevi la newsletter

    Non perderti le ultime novità! Ricevi la newsletter con idee per le tue gite fuori porta, consigli stagionali e il calendario degli eventi.

    Le prossime gite organizzate

    Gite in Lombardia ti porta alla scoperta delle bellezze del territorio, anche quelle vicine a casa che a volte conosciamo così poco. Grazie e guide appassionate ed esperte conoscerai la natura, la storia, l’arte e le tradizioni locali e vivrai splendide giornate all’aria aperta e in compagnia.