trekking
Il Sentiero dei Giganti è stato sistemato recentemente ed è stato studiato per itinerari a piedi, in mountain bike o a cavallo. L’intero percorso ad anello è ben segnalato ed è lungo circa 30 Km, ma si può scegliere di percorrere solo alcuni tratti.

trekking
Il Sentiero del Castagno è un percorso ad anello lungo cui visitare luoghi legati alla storia del paese di Corna Imagna e che è stato ideato per valorizzare e rilanciare la coltivazione della castagna nella zona.

trekking
Il percorso parte da Fuipiano che sorge a 1.019 metri di altezza e per questo conosciuto come “il tetto della Valle Imagna”. Dal paese partono escursioni interessanti attraverso prati e boschi lungo i crinali tra la Val Brembilla e la Valle Taleggio, sulla panoramica Costa del Pallio che porta verso il Resegone.

trekking
L’itinerario parte da Ca San Marco, raggiungibile o con il sentiero 40 o molto più agevolmente per la strada carrozzabile che sale da Mezzoldo. Si imbocca un sentiero pianeggiante che conduce sotto la costiera del Monte Verrobbio.

trekking
Questo itinerario è molto apprezzato dai villeggianti dei Roncobello per il suo bellissimo ambiente ricco di boschi nella parte bassa e di rocce e di pascoli nella parte rivolta al rifugio e per la vista molto suggestiva sulle pareti della Corna Piana.

trekking
L’itinerario inizia lungo la strada che conduce ai piani dell’Avaro, seguendo la segnalazione per il Passo di Salmurano. Si segue a lungo questo bellissimo sentiero pianeggiante nel bosco fino al pianoro di Casera Valletto. Si procede poi lungo una mulattiera che sale da Ornica fino a giungere un pianoro erboso.

trekking
Si parte dal piazzale della stazione di Piazza Brembana imboccando via Tasso fino a raggiungere la carrabile per il Ponte dei Fondi. Da una cappelletta della fine del Settecento si prende il sentiero CAI 128 che conduce nei boschi. Si scende poi verso il fondovalle lungo prati fino a incrociare il segnavia CAI 127 A che conduce in un bosco.

trekking
L’itinerario parte dalla località Piani dell’Avaro in prossimità dell’omonimo rifugio e della Baita Ciar, dove c’è possibilità di parcheggiare l’auto. Si inizia seguendo il segnavia CAI 109. Si sale poi lungo la dolce e panoramica costa fino a raggiungere un bivio in cui tenere la destra.