Via Mala di Scalve

altro-small-saltro-small-s

Un tempo strada, oggi percorso pedonale, la Via Mala è un emozionante tracciato scavato nella nuda roccia del canyon che collega la Val di Scalve e la Valcamonica. Continua a leggere

ScarsoCosì cosìDa vedereMolto BelloEccezionale (117 voti)
Loading...

Vuoi continuare a scoprire quanto c'è di bello attorno a te?

Iscriviti alla nostra newsletter e sarai sempre aggiornato sulle ultime novità!

Iscriviti! Chiudi

Il trekking sulla Via Mala di Scalve

La Via Mala è l’antico tracciato, esistente già nel Medioevo, che collega la Valle di Scalve alla Valcamonica, unendo gli abitati di Dezzo e di Angolo Terme.

L’appellativo “Mala” fu dato in passato a causa dei frequenti tratti accidentati e inquietanti che terrorizzavano i viaggiatori e che, tuttora, lasciano senza fiato per l’emozione. La Via Mala è letteralmente scolpita nelle pareti rocciose della profonda forra del fiume Dezzo e si affaccia sul corso d’acqua passando tra insenature e orridi, offrendo emozionanti e spettacolari scorci visuali e permettendo di apprezzare molto da vicino e con insolita chiarezza diverse forme geologiche. È uno dei percorsi più spettacolari d’Europa, soprattutto in inverno quando l’acqua si trasforma in ghiaccio, disegnando splendide cascate bianche sul panorama roccioso.

Il vecchio itinerario non è più accessibile al traffico veicolare, deviato su una nuova strada quasi interamente in galleria, ma può essere tranquillamente percorso a piedi in totale sicurezza. Vi si può accedere in località Casa Cantoniera. Provenendo dalla Val di Scalve, l’ingresso è subito dopo la terza galleria a sinistra.

Più Info

Cosa vedere vicino alla Via Mala di Scalve

Lago Moro
Museo della Stampa Lodovico Pavoni
Salto degli Sposi
Miniera di Schilipario

Itinerari vicino alla Via Mala di Scalve

Sentiero dell’Orso

Commenti

  • Anonimo
    Rispondi

    La Via Mala è stata aperta nel 1865 non nel medioevo come citato nell’articolo.

  • Anonimo
    Rispondi

    Solo una puntualizzazione, Dezzo di Scalve è in provincia di Bergamo, come per altro il tratto della Via Mala oggetto di recupero, vedasi foto soprastante.

Ho preso visione e accetto la privacy policy del sito