Eremo di Santa Caterina del Sasso

luoghi-di-culto-small

Uno dei gioielli della provincia di Varese, l’Eremo di Santa Caterina del Sasso è un luogo storico tra i più affascinanti del Lago Maggiore. Continua a leggere

ScarsoCosì cosìDa vedereMolto BelloEccezionale (17 voti)
Loading...

Vuoi continuare a scoprire quanto c'è di bello attorno a te?

Iscriviti alla nostra newsletter e sarai sempre aggiornato sulle ultime novità!

Iscriviti! Chiudi

Una gita fuori porta a Santa Caterina del Sasso

La chiesa di Santa Caterina del Sasso sorge a strapiombo sulla sponda orientale del lago nel comune di Leggiuno ed è raggiungibile dal lago, salendo una scalinata di 80 gradini, oppure dal piazzale sovrastante scendendo una panoramica scalinata di 240 gradini o utilizzando il comodo ascensore.

Pur essendoci anche pitture del 1800, il complesso monastico risale al Trecento ed è composto da tre edifici: il Convento Meridionale, il Conventino e la chiesa; alla sinistra di quest’ultima, a strapiombo sul lago, si erge un campanile del XIV secolo.

L’Eremo di Santa Caterina del Sasso fu fondato dal mercante Alberto Besozzi che fece voto a Santa Caterina di rifugiarsi qui in una grotta durante un naufragio. La chiesa, il cortile e il convento furono costruiti nei secoli successivi.

L’Eremo è aperto tutti i giorni da marzo a ottobre. Da novembre a febbraio è aperto solo sabato, domenica e nelle festività.

Più Info
Loading
Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti
Google MapsOttieni i Percorsi

Cosa vedere vicino al Santa Caterina del Sasso

Gemonio e Cittiglio
Cascate di Cittiglio
Rocca di Angera

Commenti

  • Elena Stella
    Rispondi

    visitata sia arrivando dall’alto che via lago da Stresa (molto più bello arrivarci in battello da sotto) E’ davvero incantevole!

  • Peter
    Rispondi

    Dal parcheggio si arriva scendendo una comoda scalinata, ma per chi non può fare le scale c’è un ascensore che parte sempre dal parcheggio. Il panorama è incantevole, l’eremo è a strapiombo sul lago e sembra un gioiello incastonato nella roccia.

  • Elisabetta Vinci
    Rispondi

    Siamo arrivati qui alle 12 e abbiamo dovuto aspettare le 14 perché riaprisse però ne è valsa la pena! Nell’attesa abbiamo mangiato uno spuntino nel bar prima della scalinata, gestito dagli studenti della scuola alberghiera, lo consigliamo.

  • La Lia
    Rispondi

    Per chi come me ama fare fotografie qui c’è davvero fonte di ispirazione, bellissimo!

  • Carla Otti
    Rispondi

    Luogo pieno di fascino, consigliato!

Ho preso visione e accetto la privacy policy del sito