Castello di Chignolo Po

castelli-small

Benvenuti alla “Versailles della Lombardia”. Quello di Chignolo Po è uno dei castelli della Lombardia più imponenti e sontuosi. Continua a leggere

ScarsoCosì cosìDa vedereMolto BelloEccezionale (85 voti)
Loading...

Vuoi continuare a scoprire quanto c'è di bello attorno a te?

Iscriviti alla nostra newsletter e sarai sempre aggiornato sulle ultime novità!

Iscriviti! Chiudi

Visitare il Castello di Chignolo Po

Il duecentesco Castello di Chignolo Po è un’elegante residenza castellana immersa nelle campagne pavesi. La sua parte più antica è la torre centrale a pianta quadrata, dotata di merlature e impreziosita da una loggetta.
Si ritiene che la torre fu costruita per volere del re Liutprando, nell’epoca in cui Pavia era capitale dei Longobardi, come torre difensiva da cui presidiare un lungo tratto del fiume Po e la Via di Monte Bordone, successivamente denominata Via Francigena – Romea, che collegava il Nord Europa con Roma. Davanti al fortilizio, verso settentrione, sorge il Borgo (Ricetto), interamente riedificato nel 1600.

A partire dal XIII secolo il Castello divenne uno dei maggiori feudi lombardi che fu di proprietà di diverse nobili famiglie, tra le quali i Cusani che aumentarono al massimo la potenza del Castello ricevendo altresì continui privilegi e concessioni dai Re e dai Duchi di Milano.

Dal 1700 al 1730 il Castello di Chignolo Po, conosciuto poi anche come “la Versailles della Lombardia”, fu ampliato e trasformato in una vera e propria reggia settecentesca, per volere e grazie al finanziamento del proprietario dell’epoca, il Cardinale Agostino Cusani Visconti, ambasciatore del Papa presso la Repubblica di Venezia ed alla corte di Luigi XIV a Parigi, nonché Vescovo di Pavia.

La realizzazione degli stucchi e dei dipinti che impreziosiscono le sale di rappresentanza del Castello fu affidata ad artisti di scuola tiepolesca. L’interno del Castello di Chignolo Po è una sontuosa dimora ricca di affreschi e statue in cui è possibile ammirare il fastoso salone da ballo, sul cui soffitto è dipinta la gloria delle quattro stagioni, e gli appartamenti che ospitarono importanti figure dell’epoca, tra le quali Papa Clemente XI, Napoleone Bonaparte e Francesco I d’Austria.

Infine, non si può terminare la visita senza prima fare una passeggiata nell’elegante giardino all’italiana che si estende su oltre 30 ettari intorno al Castello.

Possibilità di visita da marzo a novembre nelle giornate di sabato e domenica e durante le festività; nei giorni feriali per gruppi di minimo 15 persone (da prenotare con almeno 48 ore di anticipo); chiuso il lunedì.

Le visite sono solamente guidate in quanto il Castello di Chignolo Po è una dimora privata.

Più Info

Commenti

  • Anna
    Rispondi

    Oggi abbiamo passato una splendida giornata visitando il castello ,che e un luogo splendido, e saluto sia il ragazzo gentilissimo all accoglienza che ci ha illustrato la storia del castello e le dimore circostanti che il ragazzo che ci ha fatto da guida all interno del castello illustrando i tutte le sale .
    Grazie un saluto da Anna Cino Isabella e Lucia

Ho preso visione e accetto la privacy policy del sito