Una gita al Monte Cornizzolo

Un eccezionale balcone panoramico sulla Pianura Padana

panorama-monte-cornizzolo

L’escursione sul Monte Cornizzolo è uno dei grandi classici per chi abita a Milano e in Brianza. Spesso sottovalutata in favore di altri itinerari più “avvincenti”, si è rivelata per noi una fantastica sorpresa che vogliamo condividere con voi.

Tra i tanti sentieri che portano alla cima del monte, per la nostra gita al Monte Cornizzolo scegliamo quello con partenza ad Eupilio, un piccolo paese all’inizio del Triangolo Lariano. Giunti in località Carella di Eupilio, seguiamo le indicazioni per il Cornizzolo, inoltrandoci in un bosco fino alla Trattoria Campora dove parcheggiamo.

monte-cornizzolo-strada

Il percorso vero e proprio della nostra gita al Monte Conrnizzolo parte dall’Alpe di Carella (660m) in prossimità di una stanga che impedisce l’accesso alle auto. Scopriamo che la passeggiata si svolge in gran parte su strada asfaltata che sale a tornanti fino al rifugio Marisa Consiglieri. Siamo in buona compagnia, ci sono molte famiglie che hanno scelto questa gita, un percorso davvero adatto a tutti (c’è persino chi è salito con il passeggino!), ma non mancano gli sportivi che affrontano la salita in bicicletta o di corsa. Dopo un primo tratto nel bosco, in discreta pendenza, la visuale inizia ad aprirsi, e scopriamo che il forte vento di oggi, a tratti fastidioso, sarà una preziosa risorsa per mantenere il cielo terso e il panorama incredibile!

monte-cornizzolo-vista-lago-pusiano

Dopo circa 1 ora di cammino costeggiamo un bellissimo prato colmo di narcisi che sale fino alla cima del Cornizzolo, noi però continuiamo sulla strada asfaltata che gira attorno al monte fino al rifugio. Ora il percorso continua quasi pianeggiante e possiamo iniziare a goderci la vista: ecco i laghi di Pusiano e Alserio, e poi il Lago di Annone, ecco i paesi della Brianza che tentiamo di riconoscere, laggiù in fondo gli inconfondibili nuovi grattacieli di Milano. E poi, dopo una curva, ecco la sagoma dentata del Monte Resegone.

resegone-dal-monte-cornizzolo

Senza nemmeno accorgercene, distratti da tanta bellezza, arriviamo al rifugio Marisa Consiglieri (1050m) dove ci attende un gustoso piatto di spezzatino con polenta…la giusta ricompensa dopo il cammino e la giusta carica di energia per affrontare la salita alla vetta del Monte Cornizzolo.

MONTE-CORNIZZOLO-rifugio-consiglieri

Ci incamminiamo verso la croce sulla cima del Monte Cornizzolo sfidando un vento fortissimo ma ansiosi di spaziare con lo sguardo a 360°. In 20 minuti eccoci in vetta, siamo a soli 1.240m ma sembra di essere sul tetto del mondo! Verso nord si scorge un tratto del Lago di Lecco e poi le cime innevate della Valtellina e della Svizzera, a nord-est il Monte Rai, i Corni di Canzo, le Grigne, il Resegone. Ci voltiamo verso sud e il panorama verso la pianura è ancora più grandioso di prima, abbracciamo con un solo sguardo tutta la Pianura Padana fino agli Appennini.

monte-cornizzolo-vista-dalla-vetta

Decidiamo di scendere dal versante opposto utilizzando un comodo sentiero e attraversando il prato fiorito fino a ricongiungerci con la strada asfaltata. Qui abbiamo un’altra bella visione, la vista dall’alto del Lago del Segrino, incastonato tra le montagne e brillante per la luce riflessa del sole. Ultima sorpresa prima di arrivare alla macchina, un simpatico gruppo di maialini che attraversa la strada e si ferma a giocare a pochi centimetri da noi.

monte-cornizzolo-vista-segrino

Complice il clima primaverile e il vento impetuoso, questa gita al Monte Cornizzolo è stata davvero splendida! E la consigliamo vivamente a tutti coloro che, senza essere grandi sportivi, vogliono godere della bellezza della montagna e dei panorami che può offrire!

VAI ALLA SCHEDA ITINERARIO

VAI AL BLOG