Una gita a Bergamo

cappella colleoni Bergamo

La Facciata della Cappella Colleoni in Piazza Vecchia

Controlliamo le previsioni e ci prende lo sconforto vedendo che la nebbia la fa da padrona su maggior parte della Lombardia…siamo quasi già rassegnati a rimanere in casa, quando scopriamo che a Bergamo ci sarà il sole. Perché no, è una città che già conosciamo ma ci siamo accorti che ogni volta che la visitiamo scopriamo qualcosa di nuovo.

All’inizio della nostra gita a Bergamo ci accoglie un magnifico sole che riscalda quanto basta questa fredda giornata d’inverno. Lasciamo l’auto a Bergamo Bassa e ci incamminiamo sulla salita che ci conduce fino alla Porta Sant’Agostino. Impossibile non fermarsi ad ammirare il bellissimo panorama dalle Mura Venete di Bergamoche da luglio 2017 fanno parte dei siti patrimonio UNESCO della Lombardia.

Arriviamo in Piazza Vecchia e ci dirigiamo verso la Cappella Colleoni, quattrocentesco mausoleo del condottiero Bartolomeo Colleoni, con una bellissima e geometrica facciata decorata con marmi policromi. Ma un cartello coglie la nostra attenzione: Salita al Campanone. Non abbiamo dubbi, in una giornata come questa l’occasione di vedere la città alta dall’alto non ha prezzo. La nostra salita della Torre Civica termina proprio sotto la grande campana di bronzo a 53 metri dal suolo. Ammiriamo questa nuova prospettiva e cerchiamo di riconoscere i luoghi della città, la piazza vecchia con la mole bianchissima del Palazzo Nuovo, sede della Biblioteca Civica, la cappella Colleoni, la Torre del Gombito costruita nel XII secolo come punto di osservazione militare che ancora oggi svetta alta tra i tetti, in lontananza riconosciamo un colle alberato con una bandiera italiana: il Museo del Risorgimento, e poi ecco il Castello di San Vigilio, altro delizioso punto panoramico. I cartelli ci aiutano a riconoscere anche punti più lontani come le valli bergamasche Brembana e Seriana e lo sguardo si perde all’orizzonte. Solo per questa vista, la gita a Bergamo è valsa veramente la pena!

vista dal Campanone Bergamo

La bellissima vista dalla Torre Civica o del Campanone

museo 500 interattivo bergamo

Una sala del museo multimediale dedicato al ‘500

 

 

 

 

 

 

 

 

Scendiamo con il rapidissimo ascensore e all’ingresso ci ricordiamo che il nostro biglietto includeva anche il Museo Storico dell’Età Veneta – il 500 interattivo, decidiamo di fare un salto. Entriamo aspettandoci di girovagare tra noiosi pannelli e teche polverose, invece troviamo un museo incredibilmente innovativo e multimediale. Premesso, non siamo dei fan incondizionati di tutto ciò che è touch screen o interattivo, ma qui scopriamo un modo davvero creativo e intelligente di usare le nuove tecnologie a servizio della conoscenza. Il Museo, situato nel Palazzo del Podestà ci offre dapprima un viaggio nella storia mondiale del ‘500, per poi calarci nella Bergamo Veneziana dove attraverso personaggi, manoscritti, mappe che si animano ci sentiamo coinvolti nel vissuto della città. Nelle sale sono ricreate in modo incredibilmente moderno e originale la bottega dello speziale, la stamperia, la fiera e ci perdiamo letteralmente nelle vie della Bergamo del ‘500.

Dopo questa bella scoperta decidiamo di fare un’ultima tappa culturale nella nostra gita a Bergamo prima di incamminarci per le vie cercando un posticino dove ristorarci e optiamo per il Museo e Tesoro della Cattedrale di Bergamo, inaugurato nel 2012 sotto la cattedrale di Sant’Alessandro. E’ affascinante che i resti di domus romane, della chiesa paleocristiana e della cattedrale romanica giacessero qui sotto da secoli, ma che solo dei lavori agli impianti del Duomo nel 2004 hanno permesso di scoprire questi tesori. Nel cuore del percorso è collocato il Tesoro del Duomo, la raccolta degli oggetti più preziosi sopravvissuti e custoditi nel corso dei secoli.

Soddisfatti delle nostre nuove scoperte e ancora più convinti che questa città non smette mai di riservare belle sorprese andiamo alla ricerca di qualcosa di caldo per rifocillarci e ci ripromettiamo di tornare presto anche solo per passeggiare nelle deliziose vie del centro storico.

P.S. Nella pagina del sito dedicata a Bergamo trovate questi e molti altri luoghi di interesse da visitare, buona gita!

VAI AL BLOG