Trekking sul Lago Maggiore da Maccagno a Luino

Oggi vi presentiamo una bella proposta per gli amanti del trekking che cercano sentieri di bassa montagna molto panoramici. L’itinerario che vi descriveremo collega Maccagno a Luino ed è un tratto di un percorso più lungo chiamato Via Verde Varesina, che collega il Lago di Lugano, il Lago di Varese e il Lago Maggiore per una lunghezza complessiva di 184 km. L’itinerario qui descritto è ricco di bellissimi scorci sul Lago Maggiore ed è  percorribile seguendo la segnaletica del CAI di Luino.

L’itinerario è di media difficoltà a causa dei saliscenti e del primo tratto un po’ ripido, lo consigliamo quindi a chi abbia un minimo di allenamento alla camminata in montagna. Per renderlo più rilassante è possibile fare una pausa a metà strada presso la spiaggia di Colmegna.

Per questo itinerario è possibile utilizzare le stazioni Maccagno e Luino della linea ferroviaria TILO S30 che collega l’areoporto di Malpensa con la Svizzera (passando da Gallarate e Busto Arsizio). Per chi volesse fare solo una parte dell’itinerario è possibile riprendere il treno anche nella stazione di Colmegna.

Da Maccagno a Colmegna

Una volta arrivati alla stazione di Maccagno, ci incamminiamo verso sud e attraversiamo il ponte sul fiume Giona. Prendiamo sulla sinistra via Oliari, nei pressi dell’ufficio postale, e passiamo dalla chiesa di Santo Stefano per poi svoltare a sinistra attraversando la ferrovia. Qui prendiamo il vero e proprio sentiero che inizia alla nostra destra. Iniziamo a salire sulla collinetta dei Motti dei Ronchetti. Il primo tratto è piuttosto ripido, ma come inizio non è affatto male: da subito, infatti, possiamo ammirare una bellissima vista sul Lago Maggiore. Ridiscendiamo quindi verso la località Torretta e i Ronchi per poi raggiungere Colmegna, posta sulla sponda del lago, in poco più di un’ora dalla partenza. Qui decidiamo di prenderci una piccola pausa. Dopo esserci ristorati, riprendiamo la nostra passeggiata seguendo le indicazioni gialle in direzione Luino.

Da Colmegna al villaggio olandese

Il sentiero torna a salire abbastanza rapidamente verso Bonga. Usciti dal bosco arriviamo all’abitato e prendiamo la strada asfalta che scende verso il villaggio olandese. Qui negli anni 50 è sorto un vero e proprio villaggio creato da un turista olandese che si era innamorato della zona. Si presenta come un agglomerato di casette con i tetti spioventi che si mimetizzano nella fitta boscaglia abitato ancora in prevalenza da famiglie olandesi che decidono di trascorrere qui le loro vacanze estive. In inverno gli abitanti sono solo 25 ma se passate in estate sarà un po’ come essere all’estero quando circa 1.200 persone popolano questo borgo. La posizione isolata e immersa nella vegetazione lussureggiante e la vista mozzafiato sul lago e le montagne spiegano bene perché in tanti hanno deciso di acquistare qui la loro seconda casa.

Dal villaggio olandese a Luino

Riprendiamo il percorso e superiamo due collinette. Qui ormai vediamo sotto di noi Luino, la nostra meta, e in lontananza Stresa sulla costa piemontese. Continuiamo a scendere verso il lago passando da una bella zona residenziale con diverse ville. Superato l’Istituto d’Istruzione Superiore “Città di Luino” prendiamo una caratteristica stradina ed entriamo nel centro storico di Luino. Poche centinaia di metri e siamo sul bellissimo lungolago della città. Prima di dirigerci alla stazione, pranziamo gustandoci una meritata pizza al trancio sulle panchine del Parco a Lago, con una vista impagabile. La giornata giunge così al termine e siamo davvero molto soddisfatti della nostra passeggiata lungo questo bell’itinerario tra lago e montagna.

Per fare ritorno a casa possiamo riprendere il treno nella stazione di Luino. In alternativa possiamo tornare a Maccagno con un breve ma piacevole viaggio in battello.

L’itinerario in breve

Partenza: Maccagno

Arrivo: Luino

Lunghezza del percorso: 10 Km

Dislivello in salita: 620 m

Dislivello in discesa: 650 m

Tempo di cammino: 3 ore

Stagioni consigliate: primavera, estate