Trekking in Val Codera e sul Sentiero del Tracciolino

Oggi vi proponiamo un itinerario in Val Codera, una valle alpina che presenta ancora una bellezza naturale totalmente incontaminata. La Val Codera si trova nei pressi del Lago di Mezzola, tra il Lago di Como e la Valchiavenna. La nostra meta è il Sentiero del Tracciolino, un percorso molto suggestivo scavato nella roccia che corre per 10 chilometri lungo l’antico tracciato della ferrovia costruita negli anni trenta per collegare due dighe, una in Val Codera e una nella vicina Val dei Ratti.

L’itinerario che proponiamo è abbastanza impegnativo, ma se siete abituati alla camminata in montagna lo troverete davvero straordinario e appagante. E’ anche un’ottima meta per il trekking da raggiungere in treno, in quanto la stazione di Novate Mezzola si trova a poca distanza dal punto di partenza. La stazione è servita dalla linea ferroviaria Colico-Chiavenna, per arrivare da Milano occorre prendere la linea Milano Centrale – Tirano cambiando a Colico.

Da Novate Mezzola a San Giorgio

Arriviamo alla stazione di Novate Mezzola e prendiamo la pista ciclabile verso nord e il centro del paese. Svoltiamo in via Ligoncio e poi attraversiamo il torrente Codera. Per raggiungere il Sentiero del Tracciolino la nostra prima meta è il paesino di San Giorgio. Continuiamo lungo la strada che costeggia il Codera e seguiamo i cartelli per San Giorgio, inoltrandoci nel bosco. Il sentiero inizia a salire prima dolcemente e poi sempre più in pendenza, la salita è abbastanza ripida e a tornanti. Man mano che si sale si ha una vista sempre più ampia e spettacolare sul Lago di Mezzola, sulle vallate e le cime circostanti. Dopo un’ora e mezzo il percorso si fa finalmente pianeggiante e poco dopo arriviamo a San Giorgio.

Il borgo di San Giorgio

Le case in pietra sono davvero ben tenute, c’è una graziosa chiesetta e una piazzetta con una fontana. Nella stagione estiva è facile incontrare qualcuno del posto con cui scambiare due chiacchiere. Scopriamo che questo paese è raggiungibile solo a piedi e i viveri vengono portati quotidianamente tramite una teleferica. Se avete tempo, vi consigliamo una visita anche al Museo di San Giorgio, piccolo ma curatissimo.

Da San Giorgio al Sentiero del Tracciolino

Per proseguire verso il Sentiero del Tracciolino occorre prestare molta attenzione a prendere la direzione corretta perché è molto facile sbagliarsi. Il cartello in legno con le indicazioni si trova tra le case vicino alla fontana del paese. Una volta imboccato il sentiero, saliamo lungo prati e boschi. Dopo una ventina di minuti imbocchiamo il vero e proprio Sentiero del Tracciolino. Svoltiamo a destra seguendo le indicazioni per la Val dei Ratti. Attraversiamo diverse gallerie molto suggestive e camminiamo su sentieri scavati nella roccia con viste mozzafiato: sotto di noi il Lago di Mezzola e in fondo quello di Como; si vedono tutti i paesi del Pian di Spagna e della bassa Valchiavenna e le montagne che ci separano dalla Svizzera. Fa un certo effetto camminare in montagna su un tracciato perfettamente pianeggiante, il dislivello è inesistente e questo ci permette di godere appieno del paesaggio che ci circonda senza alcuna fatica. Il percorso è interamente assicurato da un parapetto ed è alla portata di tutti, anche di bambini. L’unico consiglio è di portare una torcia perché nelle giornate nuvolose la luce del sole può non essere sufficiente per illuminare le gallerie. Nel secondo tratto il Sentiero del Tracciolino si fa più largo per far spazio ai binari della ferrovia a scartamento ridotto ancora presenti. Camminando lungo una galleria lunga circa 500 metri lasciamo la Val Codera ed entriamo nella Val dei Ratti. In breve tempo siamo a Frasnedo.

La discesa verso Verceia e il rientro a Novate Mezzola

Proseguiamo quindi il nostro cammino verso Verceia lungo una strada sterrata in discesa nel bosco. Adesso è tutta discesa ma la strada è lunga e abbastanza noiosa. Dopo circa 45 minuti giungiamo a Verceia. Qui possiamo prendere il treno del ritorno nella vicina stazione. In alternativa è possibile camminare ancora per un quarto d’ora fino al Lido di Novate dove tuffarci nelle limpide acque del lago e a rilassarci sulla spiaggia. Noi optiamo per la seconda: dopo una gita come questa meritavamo un po’ di relax per concludere una giornata così bella.

Questa bellissima passeggiata è davvero molto interessante e suggestiva. L’itinerario che abbiamo descritto è abbastanza impegnativo per durata e dislivello e richiede una buona preparazione fisica. In alternativa si può percorrere il solo Sentiero del Tracciolino raggiungendo in auto il parcheggio di Frasnedo. Si sale da Verceia ed è necessario acquistare in paese un ticket di 5€. Questa opzione è consigliata soprattutto per le famiglie con bambini o per chi non è molto allenato. In questo modo il percorso ha una lunghezza di circa 10 km (tra andata e ritorno) ed è totalmente in piano.

L’itinerario in breve

Partenza: Stazione di Novate Mezzola

Arrivo: Stazione di Verceia / Stazione di Novate Mezzola

Lunghezza del percorso:  16 Km

Dislivello in salita: 800 m da Novate a San Giorgio più 150 m da San Giorgio al Sentiero del Tracciolino

Dislivello in discesa verso Verceia: 900 m

Tempo di cammino: 5 ore circa

Tempo totale dell’itinerario (con pause): 6 ore circa

Stagioni consigliate: primavera, estate, autunno

 

VAI AL BLOG