5 esercizi da fare dopo una passeggiata in montagna

La vostra passeggiata in montagna è stata bella, vi siete goduti panorami mozzafiato e la compagnia era davvero piacevole, ma sulla via del ritorno la stanchezza si fa sentire sempre più e non vedete l’ora di arrivare a destinazione, togliervi lo zaino dalle spalle, sedervi su una panchina e liberare i piedi affaticati dagli scarponi.

Dopo la camminata, non sedetevi!

In realtà, nonostante il sollievo immediato, sedersi subito non è la miglior cosa da fare. L’arresto improvviso dell’attività fisica, infatti, potrebbe aumentare l’insorgenza di crampi muscolari, irrigidimenti e indolenzimenti degli arti. Questo perché i muscoli rimangono contratti e pieni di acido lattico e le articolazioni restano affaticate e compresse. È quindi necessario aiutare il nostro corpo a riprendersi nel modo giusto dopo lo sforzo fisico compiuto, sciogliendo muscoli e articolazioni. Anche se il solo pensiero di compiere qualsiasi altro movimento vi fa sentire ancora più stanchi, dovete sapere che fare esercizi di allungamento è necessario per riprendersi al meglio e per il vostro benessere anche nei giorni a seguire. Meglio avere gambe dure e doloranti per due giorni o fare un piccolo ultimo sforzo che richiede solo pochi minuti che vi aiuti a stare meglio?

Ecco quindi 5 semplici esercizi da svolgere dopo una passeggiata in montagna.

#1 Muscoli posteriori della coscia e della schiena

Durante la camminata la schiena viene parecchio sollecitata dallo zaino. Le vertebre tendono a comprimersi e i muscoli si irrigidiscono per contrastare questo fenomeno. Il classico dolore da affaticamento alle cosce, invece, è dovuto soprattutto allo sforzo compiuto in discesa. Vi suggeriamo quindi un esercizio utile a sciogliere i muscoli della parte posteriore delle cosce quelli della schiena. Mettetevi in piedi con le gambe leggermente aperte alla larghezza delle spalle. Piegatevi in avanti tenendo le ginocchia leggermente piegate fino a sentire tirare i muscoli posteriori delle cosce e quelli della schiena. Se riuscite, provate anche a distendere a poco a poco le gambe. Tenete la posizione per 10 o al massimo 20 secondi.

#2 Muscoli anteriori della coscia

Per allungare i muscoli anteriori delle cosce, appoggiatevi con un braccio a un sostegno mantenendo una postura eretta e sollevate una gamba afferrando la caviglia con una mano, piegandola all’indietro fino sentire tensione al muscolo. Ripetete poi l’esercizio con l’altra gamba.

#3 Colonna vertebrale

Se siete vicini a un percorso salute, cercate una sbarra a cui appendervi con le braccia tese. Contraete gli addominali e portate le ginocchia verso il busto lentamente e inspirando profondamente. Una valida alternativa è fare un esercizio in coppia, mettendovi schiena contro schiena e allacciando il gomito sinistro con il destro di quello del partner e viceversa. A turno piegatevi verso le proprie ginocchia sollevando il compagno da terra. Eseguite l’esercizio lentamente e rimanete in trazione per 30 o 40 secondi.

#4 Polpacci

Per distendere i muscoli del polpaccio appoggiatevi a un albero o a una parete con le mani. Portate una gamba tesa all’indietro e tenete la posizione per una ventina di secondi. Ripetete l’esercizio con l’altra gamba.

#5 Caviglie

Per camminare le caviglie sono fondamentali perché scaricano a terra il peso del corpo e permettono al piede di fare tutti i movimenti. Ecco perché è importante fare un esercizio a loro dedicato. Tenete la schiena dritta e oscillate avanti e indietro dai talloni alla punta dei piedi come se doveste rullare. Ripetete il movimento alcune volte.

Fate per bene tutti questi esercizi con calma, mantenendo le posizioni per non più di 20/30 secondi e ripetendoli due o tre volte, fermandovi non appena avvertite affaticamento muscolare. Vi renderete conto che vi faranno stare e meglio e dopo ogni passeggiata non potrete più farne a meno. Non ne siete sicuri? Provare per credere!

Buon relax a tutti!

VAI AL BLOG