Il segreto sta nei piedi. Come scegliere le scarpe da trekking

Se ami le passeggiate in montagna è importante che tu sappia scegliere le giuste scarpe da trekking per evitare brutti inconvenienti come la formazione di vesciche e le distorsioni alle caviglie e per camminare in tranquillità e comodità.

Quando scegliete le vostre prossime calzature da trekking dovete tenere conto sia le vostre esigenze fisiche, sia delle tipologie di escursioni che andrete a fare. Oggi in commercio esistono buone scarpe da trekking per tutte le tasche. E’ inutile, oltre che molto costoso, comprare scarponi tecnici da 200€ se pensate di fare delle semplici scampagnate. Ma 40€ saranno soldi ben spesi per un modello semplice ma efficace allo scopo. Per gite su sentieri ben tracciati non sono necessari scarponcini molto rigidi e alti, meglio preferire calzature più leggere, flessibili e utilizzabili sulla maggior parte dei terreni.

Ecco una breve check list per scegliere la vostra scarpa da trekking in 5 punti.

1- È il numero giusto?

Non è scontato che il numero delle scarpe che usate quotidianamente vada bene anche per quelle da trekking. E’ quindi fondamentale provarle per verificare che ci sia un spazio vuoto di pochi millimetri tra l’alluce e la punta della calzatura. Questo eviterà che il vostro alluce sbatta contro la scarpa mentre camminate in discesa. Andate a scegliere le scarpe al mattino, non al pomeriggio, così che il vostro piede non si sia gonfiato durante la giornata. Per sapere se il numero è giusto, togliete la soletta dalla scarpa, appoggiate sopra il vostro piede e premete bene. Se la sagoma del vostro piede si avvicinerà al bordo della soletta senza fuoriuscire vuol dire che il numero è giusto.

2- Questione di genere

Sapete che il tallone femminile è più stretto, rispetto all’avampiede, di quello maschile? E che la camminata è differente tra uomo e donna? Per questo esistono scarpe da trekking prodotte per uomo o per donna che si differenziano nella forma per adattarsi meglio alla forma del piede.

3- Altezza è mezza bellezza

La calzatura deve sormontare i malleoli per proteggerli da colpi e per assicurare una buona tenuta alla caviglia. La parte frontale e quella tallonare devono essere robuste, soprattutto nella zona del malleolo e in quella attorno alla caviglia. La soletta deve essere comoda e anatomica, in modo da evitare indolenzimenti.

4- Il vostro “carro armato”!

Una suola con solchi abbastanza profondi è fondamentale per garantire stabilità e aderenza anche su terreni fangosi e più irregolari. Se la suola non è a carro armato non è una scarpa da trekking. La suola migliore è quella in Vibram, consigliata per tutti i tipi di passeggiate. Se dovete risparmiare in qualche parte della scarpa non risparmiate nella suola.

5 – Il materiale fa la differenza

L’esterno della scarpa deve garantirvi piedi caldi e asciutti, ma deve anche permettere la giusta traspirazione in modo da evitare eccessiva sudorazione. Per questo è importante scegliere scarpe da trekking con la tomaia (la parte dove ci sono le stringhe) bassa, flessibile e che favorisca la dispersione del calore. Non è sempre necessario che sia anche impermeabile, soprattutto se siete persone che non si avventurano in montagna con il brutto tempo. Ovviamente se l’esterno della scarpa è impermeabile è meglio perché vi può sempre capitare di dover guadare un piccolo ruscello o essere sorpresi dalla pioggia. Se l’interno della vostra scarpa dovesse bagnarsi il modo migliore è infilare dentro dei fogli di giornali durante la notte. Non mettete vicino a fonti di calore (camini o stufe) altrimenti rovinate le parti in gomma o incollate. Il tessuto migliore per l’esterno è il Gore-Tex ma ci sono anche altri tessuti che, sebbene meno efficienti, servono bene allo scopo se non siete dei professionisti. Ricordatevi di indossare le vostre scarpe con le calze adatte per assicurarvi il piede asciutto e per evitare l’insorgere di fastidiose vesciche. Queste infatti avvengono quando la pelle del vostro piede sfrega ripetutamente contro una superficie e quindi si infiamma.

Infine, tenete sempre presente che le scarpe da trekking perfette non esistono ma è importante che siano di buona qualità, comode e adatte alle vostre esigenze.

Buona camminata!

VAI AL BLOG