Un visita a Villa Necchi Campiglio permette di fare un salto negli Anni Trenta. Tutto è come allora: dalle stanze da letto a quelle di servizio passando per la piscina privata.

Visitare Villa Necchi Campiglio

La Villa Necchi Campiglio è un gioiello architettonico nel cuore di un signorile e tranquillo quartiere del centro di Milano. L’elegante dimora fu completata nel 1935 e venne realizzata secondo il progetto del celebre architetto dell’epoca, Piero Portaluppi, su incarico della famiglia Necchi Campiglio, appartenenti alla ricca borghesia industriale della Milano anni Trenta.
La disposizione degli spazi interni di Villa Necchi Campiglio risponde alla divisione tradizionale delle dimore nobiliari: area giorno al primo piano, stanze da letto al piano superiore, stanze di servizio nel sottotetto e sale da gioco nel seminterrato, insieme agli spogliatoi e bagni per la piscina.
L’edificio è inserito in un incantevole giardino sempre aperto dove sostare all’ombra delle grandi magnolie, ed è corredato da campo da tennis e piscina (tra le prime private in città).
Villa Necchi Campiglio è stata impreziosita in tempi recenti dal lascito di alcune collezioni ricche di opere appartenenti a noti autori: Tiepolo, Canaletto, Sironi, De Chirico, Martini e Wildt. Dal novembre 2017 l’edificio ospita anche 21 opere su carta di grandi artisti del Novecento come, per esempio, Picasso, Fontana, Modigliani e Matisse.
Dal 2001 la dimora fu affidata al FAI per farne un luogo da vivere e frequentare aperto a tutti.
Villa Necchi Campiglio è aperta tutto l’anno dal mercoledì alla domenica; sono previste solo visite guidate ed è consigliata la prenotazione.
Più Info