Massiccio e in mattoni rossi, il castello di Romano in Lombardia è caratterizzato da quattro possenti torri e da un cortile interno.

Visitare il castello di Romano di Lombardia e il suo borgo medievale

A Romano in Lombardia, comune della bassa bergamasca, il castello rappresenta la principale attrazione. Caratterizzato come tutti i castelli di pianura dalla tipica costruzione in laterizio rosso, dalle quattro torri e da un cortile interno, in un primo momento la fortificazione fu ad uso militare e dal momento in cui fu scelto come dimora dai podestà veneti, assunse anche scopo abitativo.
La struttura del castello di Romano di Lombardia presenta sovrapposizioni di diversi stili architettonici, torri, affreschi e possenti mura; nel borgo medievale che si sviluppa attorno al castello, con i suoi vicoli ingentiliti da curati portici, sono presenti la casa museo del tenore Giovan Battista Rubini e alcune pregevoli chiese, come la Basilica di San Defendente.
Le quattro torri angolari del castello appartengono a epoche diverse: la torre posta a sud-ovest, quella più antica, risale al XIII secolo e nel tardo Cinquecento vi fu costruita una cappella. La torre di nord-ovest appare molto più massiccia; fu costruita un secolo dopo circa dai Visconti ad uso di prigione militare.
Come la torre di sud-ovest, anche la torre viscontea era posizionata fuori della cerchia muraria e sotto di essa si trovava il fossato colmo d’acqua e alimentato da una risorgiva interna che non ne permetteva mai il prosciugamento.
Più Info