La fama e la struttura del castello di Malpaga è legata al suo più illustre proprietario, Bartolomeo Colleoni. Il condottiero bergamasco rese questo castello una inespugnabile fortezza ma anche una seducente residenza di campagna.

Visitare il castello di Malpaga

Poco lontano dalle rive del Serio, nel territorio del comune Cavernago alle porte di Bergamo, sorge il castello di Malpaga, risalente alla metà del Trecento. Non essendo situato su un’altura o su una collina, quando venne introdotto l’uso della polvere da sparo fu necessario rinforzare il sistema di protezione dell’edificio. Fu proprio il condottiero Bartolomeo Colleoni che, una volta acquistato il Castello dal Comune di Bergamo, dal 1456 lo fece ristrutturare rendendolo un’inespugnabile fortezza, predisponendo un campo di alloggiamento per i suoi soldati e trasformandolo in una magnifica residenza, la cui fama è ancora oggi legata alla gloriosa storia dello stesso condottiero.
La struttura del castello di Malpaga è di forma quadrata, circondata da due cinte murarie e da due fossati. Il condottiero Colleoni fece abbellire sontuosamente la sua fortezza servendosi della collaborazione di valenti artisti del tempo, alcuni provenienti dalla Borgogna, altri da territori vicini.
Presso il castello di Malpaga furono ospitati molti artisti e importanti figure del tempo; molto nota è la visita di Cristiano I, Re di Danimarca nel marzo del 1474, che venne poi celebrata con il Salone d’Onore, situato al primo piano della residenza. Al piano superiore è possibile ammirare un ciclo di dipinti risalenti al Quattrocento che celebrano la grandezza del casato e le glorie militari del Colleoni. E’ inoltre possibile accedere alla stanza in cui morì il condottiero e in cui è conservato un prezioso quadro della Madonna con il Bambino.
Il castello di Malpaga è ancora oggi immerso in uno splendido contesto agreste fatto di campi coltivati, boschi, rogge e cascine che, con le vicine Prealpi Orobie, formano un complesso naturalistico e architettonico di grande valore.
Per le visite guidate consultare il sito ufficiale.
Più Info