Il giro del Lago d’Iseo in bicicletta è un itinerario di grandissimo fascino anche se purtroppo solo alcuni tratti si svolgono in sede propria e sul versante occidentale si è costretti a percorrere una strada piuttosto stretta e a volte trafficata. Una possibile alternativa è quella di percorrere solo il tratto tra Paratico e Pisogne passando per Iseo lungo la sponda est, in tutto circa 35 km. Da questa parte vi sono infatti due lunghi tratti ciclabili (Paratico-Iseo e Toline-Vello) e le restanti parti si svolgono su strade secondarie non molto trafficate. Segnaliamo anche che Iseo e Pisogne sono collegate dalla linea ferroviaria che potrebbe essere utile per il ritorno. Un altro consiglio, se non si ha fretta è quello di imbarcarsi su un traghetto per Monte Isola, una delle isole lacustri più grandi d’Europa, per godere della sua bellezza percorrendo il periplo in bicicletta. Segnaliamo che sull’isola non possono circolare le auto quindi è particolarmente piacevole girare in bicicletta. Il giro inizia ad Iseo e percorre il perimetro del lago in senso antiorario. Da qui si passa per Clusane, un villaggio di pescatori e si arriva a Paratico. Si attraversa il ponte che conduce al lungolago di Sarnico e si prosegue a destra in direzione di Predore. Si supera una galleria e si arriva a Tavernola Bergamasca. Da qui in avanti la costa è più selvaggia e si può ammirare l’Orrido del Bogn a strapiombo sul lago. Si giunge a Lovere, ultimo paese della sponda bergamasca, e ci si dirige verso il borgo medievale di Pisogne (dove si trova anche la ciclabile della Val Camonica che porta fino a Capo di Ponte). Da Toline a Vello si segue la suggestiva pista ciclabile per poi riprendere la strada costiera passando per Marone, Sale Marasino e Sulzano (da questi ultimi partono i traghetti per Monte Isola). Si ritorna infine a Iseo. Il giro del Lago d’Iseo si collega a nord, presso Pisogne, con la Ciclabile della Val Camonica e a Sud presso Paratico con la Ciclovia del fiume Oglio.

Mappa percorso